Warning: Wrong parameter count for mysqli_stmt::bind_param() in /var/www/vhosts/comproorocivita.it/httpdocs/CMS/MODEL/MySqlLiProxy.php on line 117

Blog dell'oro

...Ovvero articoli e curiosità sul mondo dell'Oro e dei preziosi

In questa area del sito verranno inseriti degli articoli sul mondo dell'oro e dell'oreficeria in generale, veloci e di facile lettura. 

Gli articoli presenti in quest'area avranno l'intento di rispondere alle maggiori domande poste quotidianamente dai miei clienti.

Grazie per l'attenzione ;) 

Alessandro.

Titolo dell'Oro, cosa significa?

L’oro è un metallo molto tenero, ma con l’aggiunta di altri metalli può diventare forte e resistente. Per fabbricare gioielli si sono sempre aggiunte quindi percentuali di altri materiali come argento, rame, zinco, palladio e di altri elementi. Si dice allora che la lega è “indurita”, e quindi l’oro può esser ridotto in filo o in lastra per passare alla lavorazione. Tali metalli servono anche per modificare i colori dell’oro e rendere la superficie più liscia. 


Cos’è il titolo dell’oro?


Il titolo dell’oro indica la quantità di oro puro presente in ogni gioiello. La quantità dell’oro puro può esser misurata in carati (ct o kt) o in millesimi (es. 750‰; in Italia è di norma espressa in millesimi). L’orafo usa la scala millesimale e miscela l’oro e gli altri metalli in proporzione di millesimi.


Un gioiello a titolo 750 contiene 750 parti di oro puro e 250 parti di lega su 1000. Se usiamo la definizione in carati, il nostro gioiello è a 18 carati. Più alto è il titolo e più è elevato il valore del vostro gioiello. L’alto contenuto di oro preserva il gioiello da qualsiasi ossidazione che potrebbe invece verificarsi nei titoli più bassi, ed evita qualsiasi tipo di allergia alla pelle.


Come riconoscere il titolo dell’oro?




Ogni gioiello, per legge, deve riportare in modo visibile l’indicazione del titolo, cioè della quantità di oro fino contenuta ed il marchio di identificazione che permette di individuare l’origine ed il produttore. Il titolo lo troverete espresso solo in millesimi poichè la legge italiana (legge n. 46 del 1968) lo impone in millesimi. In Italia i gioielli sono prevalentemente a 750 millesimi di titolo, anche se negli ultimi anni sono state anche marginalmente prodotte collezioni con oro a 375 millesimi. La legge ammette sia titoli più alti che titoli più bassi purchè dichiarati.

In Italia, come già detto, per cultura e tradizione i gioielli hanno titolo a 750 millesimi d’oro. Nei paesi orientali i gioielli hanno anche titoli più alti, come 916 millesimi, 990 millesimi, e sono anche creati in oro puro a 999 millesimi. In altri paesi invece, come gli Stati Uniti, la Germania e l’Inghilterra, non è raro trovare produzioni d’oro con titolo inferiore ai 750 millesimi.

Attenzione quindi a ciò che comperate: per esser sicuri chiedete sempre il titolo del vostro gioiello e, volendo, controllate il bollo. 

 fonte: BlogPreziosi

Ma l'Oro Bianco ha più valore di quello Giallo?


E' questa una delle domande più frequenti poste dai nostri clienti durante un'operazione d'acquisto.

La risposta è sempre la stessa:

NO L'oro giallo ed il Bianco SE DI STESSA CARATURA (vedi articolo precedente) hanno lo stesso valore, l'unica differenza è il colore.

In natura infatti il colore dell'Oro puro è esclusivamente di colore giallo e per “sbiancarlo” viene mescolato con vari metalli bianchi, ma l’effetto finale è sempre giallognolo.

Per ottenere un bianco intenso e vivo, come ultima fase della finitura, viene eseguita la rodiatura, un processo galvanico che depone sulla superficie del gioiello uno strato di qualche millesimo di millimetro di Rodio, un metallo nobile bianco brillante, ecco perchè indossando per parecchio tempo e quindi consumando lo strato superiore di Rodio, un gioiello d'Oro bianco tende a tornare giallo.

Curiosità: Gli oggetti in oro bianco realizzati fino a qualche anno fa presentavano prima della rodiatura un bianco più vivo e una minore presenza di giallo. Noterete che gli ultimi oggetti acquistati tendono infatti ad “ingiallire” più facilmente rispetto a quelli più antichi.

Questo accade perchè da qualche tempo alcune regolamentazioni europee vietano l’utilizzo di nichel oltre alcune percentuali. Il Nichel aveva un fortissimo potere sbiancante, ma potendone ora utilizzare solo una minima percentuale il colore post-fusione è leggermente più tendente al giallo.


Come Valutare un Diamante?


Ancora oggi il diamante, è la gemma emblema di solidità, non solo da un punto di vista fisico (è infatti l’elemento che in natura risulta più duro) ma anche da quello di investimento. La sicurezza del mantenimento del suo valore lo rende un bene rifugio economico non finanziario in grado di soddisfare pienamente le aspettative di chiunque abbia come obbiettivo l’accantonamento “conveniente” di un valore nel medio-lungo periodo. E’ importante perciò avvicinarsi all’acquisto o alla rivendita di questa gemma avendo le idee ben chiare sulle sue caratteristiche, ma è indispensabile affidarsi ad un esperto che sia ben aggiornato anche sulle condizioni di mercato del momento.

Molti fattori influenzano e determinano il valore economico di un diamante. Esso è determinato principalmente dalla combinazione di 4 elementi, comunemente indicate 4 C:

– CUT (taglio);

– COLOR (colore);

– CLARITY (purezza);

– CARAT (peso).

-  CUT – Il taglio del diamante


La prima delle quattro C è relativa al taglio, poiché influenza la brillantezza e quindi la bellezza di ogni diamante. Quando viene tagliato con le giuste proporzioni, il diamante sprigiona la massima quantità di luce esaltando la bellezza della pietra; in caso contrario, dimensioni di taglio sbagliate non consentono alla luce di riflettere correttamente sulle varie facce, e privano perciò la gemma della luce che offrirebbe con le proporzioni di taglio corrette. Padiglione, cintura, corona, altezza della cintura, rapporto tra faccette e tavola, angolo di corona e padiglione e rapporti diversi devono quindi rispettare delle percentuali ben precise; e le finiture del taglio devono avvicinarsi il più possibile a livelli eccellenti.

Per completezza di informazione esistono ad oggi svariate tipologie di tagli: brillante, rettangolare a gradini (taglio smeraldo), ovale, marquise, goccia e altro ma, escludendo gemme aventi caratteristiche di eccezionalità, il taglio più commerciale, e quindi più interessante e consigliabile dal punto di vista di una resa economicamente vantaggiosa, è il taglio a brillante.


COLOR – Il colore del diamante

Paradossalmente, il miglior colore per un diamante è l’assenza di colore. Un diamante completamente incolore è molto raro, e risulta perciò più pregiato nella classificazione internazionale attualmente in essere. E’ altrettanto vero che al contrario, un colore estremamente intenso ed acceso risulta ugualmente raro e prezioso, e quindi diamanti con tonalità di colore blu, rosa, verde, giallo, arancio, rosso, se non ottenuti o incrementati artificialmente, possono rientrare nella affascinante schiera dei cosiddetti “fancy colors”, e spuntare prezzi adeguati alla loro rarità. La qualità del colore si rappresenta con le lettere dell’alfabeto in una scala decrescente a partire dalla lettera D alla Z.


CLARITY – La purezza del diamante

E’ doveroso premettere che tutti i diamanti, come ogni altra gemma, hanno piccolissime inclusioni interne di varia natura ed entità. Questi elementi, in relazione alle loro dimensioni e quantità, ostacolano ed interferiscono con il passaggio della luce all’interno della gemma, e quindi ne influenzano la bellezza.

Le gemme con inclusioni minori o nulle sono rare, e sono quelle alle quali si attribuiscono le maggiori quotazioni commerciali.

Le imperfezioni esterne, solitamente graffi o mancanze di materiale, non devono essere considerate nella determinazione della purezza, in quanto potrebbero essere rimosse con opportune lavorazioni di ritaglio o politura. Solo un esperto tagliatore può valutare l’opportunità di simili interventi. Essendo comunque caratteristiche che determinano la qualità e conseguentemente il valore del diamante, sono correttamente da indicare in una certificazione della gemma.


CARAT – Il Peso del diamante

Il peso del diamante è espresso in carati (ct). Un carato si divide in 100 “punti” (esempio: un diamante da 75 punti pesa 0,75 carati). La parola “carato” ha origine dai semi di carrubo, che avendo la caratteristica di un peso costante, anticamente venivano usati come unità di misura per le pietre preziose, fino a quando il sistema fu unificato ed un carato fissato convenzionalmente a 0,2 grammi (un quinto di grammo).


In natura le gemme di grandi dimensioni sono rare, e quindi maggiore è il peso e maggiore sarà la quotazione della gemma.


Da rilevare che il rapporto peso/valore, a parità delle altre caratteristiche, non è direttamente proporzionale. Cioè se una gemma di 1 carato vale 1000, quella di un peso doppio da due carati, vale invece molto di più di 2000.


La fluorescenza del diamante

I diamanti posseggono molto spesso fluorescenza. Circa il 35% dei diamanti possiede fluorescenza, che può variare da molto leggera (very slight) a forte (strong). E’ una quinta caratteristica di discreta importanza, in quanto una fluorescenza accentuata svalorizza le caratteristiche di brillantezza e trasparenza del diamante. Sono infatti consigliate pietre senza fluorescenza (none).


Al fine di effettuare un buon investimento, inoltre, è consigliato che il diamante sia dotato di un certificato (se vogliamo, una quinta C), o rapporto gemmologico. Quest’ultimo rappresenta la sua impronta digitale, descrive la pietra nei suoi dettagli tecnici in modo tale che tutti i parametri e la sua identità siano verificabili senza possibilità di libera interpretazione. E’ superfluo dire che la qualità del certificato è importante: deve provenire da istituti autorevoli riconosciuti a livello mondiale. Il certificato non assegna alcun valore monetario; non è una valutazione e viene fornito sempre per diamanti non incastonati. Ad oggi, i laboratori considerati più affidabili ed attendibili nel campo delle certificazioni sono i seguenti: GIA, IGI, HRD, CISGEM.


Una giusta analisi


Ogni diamante è unico. Praticamente impossibile avere due gemme identiche. Valutando quanto espresso in precedenza quindi, il valore di un diamante è strettamente legato alla combinazione di tutte le sue caratteristiche. Paragonare due gemme prendendo in considerazione parzialmente o singolarmente i parametri sopra elencati risulta assolutamente fuorviante e porta ad un’analisi incompleta ed errata. Il diamante è un capolavoro della natura, e come tale va apprezzato ed analizzato per tutti i suoi attributi, nella sua interezza.


Fonte: Blogpreziosi